Wednesday, April 29, 2020
Emergenza covid, fase2: novità dalla Regione Emilia Romagna e precisazioni codici Ateco L’aggiornamento ordierno parte da due novità giunte dalla Regione Emilia Romagna.

Con delibera del Presidente Bonaccini, infatti, da oggi 29 aprile, in Emilia-Romagna sarà possibile spostarsi per fare manutenzione alle imbarcazioni e ai velivoli di proprietà. Lo si potrà però fare nell’ambito della stessa provincia, individualmente e rientrando in giornata alla propria abituale abitazione.

Di particolare rilievo per il nostro territorio è la seconda parte del provvedimento: nel settore edilizio vengono consentite alle imprese le attività propedeutiche alla riapertura dei cantieri negli stabilimenti balneari, sia su demanio pubblico che su proprietà private, nelle strutture ricettive, negli impianti termali, nei parchi tematici e all’interno dei pubblici esercizi e degli esercizi commerciali. Questo nel pieno rispetto di quanto stabilito dal protocollo di sicurezza nei cantieri sottoscritto dal Governo e dalle parti sociali.

Nella giornata di ieri, il Presidente della Regione aveva autorizzato le strutture del sistema sanitario pubblico e privato all’erogazione di prestazioni anche programmabili e non Urgenti sancendo l’avvio della FASE 2 per la sanità, pubblica e privata.

Visto il susseguirsi di aperture e riprese parziali, riteniamo opportuno inviarvi un elenco dei codici ATECO autorizzati ad oggi, dopo l’emanazione del DPCM del 26 aprile scorso.

E poiché si avvicina il 4 maggio, quando altre imprese riprenderanno le proprie attività secondo il protocollo per la sicurezza negli ambienti di lavoro e i controlli che ne conseguiranno, il nostro ente di formazione, ECIPAR, ha organizzato alcuni corsi sulla sicurezza da svolgersi in modalità smart. Ci è parsa un’iniziativa particolarmente utile a tutti voi in questo momento in cui il rispetto di tutte le norme è ancora di più una priorità quotidiana. Di seguito trovate i link per conoscere il programma e le modalità d’iscrizione.

Formazione lavoratori basso rischio 8 ore (8-11 maggio)
Formazione lavoratori medio rischio 12 ore (8-11-13 maggio)
Formazione lavoratori alto rischio 16 ore (8-11-13-14 maggio)
Aggiornamento alimentaristi 3 ore (12 maggio)
Aggiornamento carrelli elevatori 4 ore (15 maggio)

In materia di sicurezza, parecchie criticità sono state create dalla decisione del Commissario Straordinario per l’Emergenza COVID-19 di fissare un prezzo unico delle mascherine: si sta lavorando per chiarire e, si spera, arrivare a una modifica del provvedimento. Tra le iniziative, ci pare opportuno evidenziare la presa di posizione di CNA Federmoda nazionale sul tema.

Il sistema CNA, attraverso i Presidenti delle singole Unioni, stanno definendo Codici di Autoregolamentazione articolati per ogni Mestiere, sulla base di uno schema comune. La ragione di ciò sta proprio nel fatto che il tema della sicurezza sul lavoro e dell’accesso ai luoghi di lavoro (dipendenti, clienti, fornitori) rappresenta uno dei punti nevralgici su cui si gioca la sfida della ripartenza. Non a caso, il punto fermo su cui si incardinano le riflessioni di CNA è il contenuto del "Protocollo di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro" sottoscritto con il Governo e le altre Parti Sociali il 14 marzo 2020, aggiornato e integrato con il nuovo Protocollo sottoscritto in data 24 aprile 2020 che lo sostituisce. Tali codici arriveranno man mano dal responsabile di Unione/Raggruppamento del vostro mestiere. Chiarito che non si tratta di leggi, ma l'obiettivo è quello di offrire alle aziende uno strumento utile a bilanciare l’esigenza di riaprire con la volontà e il bisogno di garantire l'adozione di misure di prevenzione dal contagio.

Infine, una notizia che arriva dalla Camera di Commercio: in considerazione delle evidenti difficoltà che le imprese stanno affrontando a causa dell’attuale emergenza sanitaria, con Determinazione del Segretario Generale n. 58 del 23.4.2020 sono state apportate alcune modifiche ai termini procedurali previsti nel Bandi camerali approvati nel corso del 2019 e 2020. Clicca qui per sapere quali bandi sono stati prorogati.