Friday, March 8, 2019
Ponte Morandi: come chiedere il rimborso ristoro con CNA Genova
La CNA Fita di Genova (fita@cna.ge.it) mette a disposizione di coloro che ne volessero usufruire, un servizio di gestione della pratiche relative al “RISTORO delle maggiori spese affrontate dagli autotrasportatori in conseguenza del crollo del Ponte Morandi”.
 
Il servizio che CNA GENOVA offrirà è rivolto alle imprese aventi diritto con sede in qualsiasi località dell’intero territorio nazionale.
 
Allo stato attuale, l’Autorità di Sistema Portuale a cui vanno presentate le domande, non ha ancora pubblicato sul proprio sito l’avviso con tutte le modalità e procedure necessarie.
 
I colleghi della CNA Fita di Genova sono a disposizione per qualsiasi chiarimento e approfondimento che potrà essere ottenuto scrivendo a: fita@cna.ge.it.
 
Si ricorda infine che il ristoro di cui trattasi è quello relativo esclusivamente all’anno 2018 e per il quale si richiamano le principali peculiarità:
 
PERIODO DI RIFERIMENTO
Il ristoro riguarda i maggiori costi sostenuti nel 2018 a seguito del crollo del Ponte Morandi e quindi relativi al periodo: 14 Agosto - 31 Dicembre 2018

SOGGETTI BENEFICIARI 
Possono usufruire del ristoro le imprese di autotrasporto di merci per conto di terzi 
 
TIPOLOGIE DI SPESA AMMESSE A RISTORO
a) Viaggi con PARTENZA  e/o DESTINAZIONE: 
  • COMUNE DI GENOVA
  • PORTO DI GENOVA
Che dimostrino l’attraversamento del nodo urbano e per le quali  il ristoro deriva dagli svantaggi derivanti dai percorsi aggiuntivi stradali e autostradali, ovvero dalle difficoltà logistiche dipendenti dall’attraversamento delle aree urbane e portuali di Genova.

b)Viaggi effettuati nel territorio nazionale che abbiano comportato, per effetto del crollo del Ponte Morandi, la forzata percorrenza di tratti autostradali e/o stradali aggiuntivi
 
DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE ALLE DOMANDE DI RISTORO  
Alle domande va allegata la seguente documentazione:
  1. Documentazione di viaggio, attestante l’origine della missione e la destinazione
  2. Documentazione relativa all’effettivo espletamento della missione stessa
  3. Autocertificazione ai sensi del DPR 28 Dicembre 2000 n° 445, che attesti la veridicità della documentazione presentata
  4. Per il ristoro delle spese di cui al punto “b”  delle “tipologie di spesa ammesse” (Viaggi effettuati nel territorio nazionale  che abbiano comportato, per effetto del crollo del Ponte Morandi, la forzata percorrenza di tratti autostradali e/o stradali aggiuntivi), va indicata il tratto stradale e/o autostradale aggiuntivo percorso in relazione alla missione di viaggio svolta, nonché l’idoneo attestato di transito autostradale
N.B.Sono ammesse a ristoro esclusivamente le missioni di viaggio che abbiano effettivamente comportato il trasporto di merce, ivi comprese le attività di riposizionamento dei container.
 
IMPORTO UNITARIO DEL RISTORO PER L’ANNO 2018
Il totale delle risorse per il periodo che va dal 14 agosto al 31 dicembre 2018 è di 20 milioni. La cifra del ristoro per singolo viaggio sarà stabilita in base al numero totale delle richieste (indicativamente:€ 20,00 / viaggio).